info@unitib2b.com
071 29048218

Il progetto

UNITI > Il progetto

“Se avessi chiesto ai miei clienti cosa volevano, mi avrebbero risposto: un cavallo più veloce (Henry Ford)”. Chiedere alle imprese del territorio ITI Fabriano solamente cosa “vi serve” non produrrebbe soluzioni, ma pie illusioni tenuto conto che spesso le imprese non percepiscono in maniera prospettica il bisogno di ricerca e sviluppo e l’innovazione è spesso indotta da fattori esterni (concorrenti, clienti, leggi) piuttosto che una attitudine ed una prassi endogena e regolare.
Attraverso l’analisi della situazione di contesto, l’ascolto delle problematiche produttive e industriali, il progetto vuole offrire soluzioni innovative per lo sviluppo di prodotto processo e anche organizzative che risultino disponibili, sostenibili e cantierabili nel medio periodo e che siano il frutto dell’incontro con le traiettorie di ricerca individuate, utili a guidare un processo di crescita economica e della produzione nelle MPMI del territorio individuato dall’ITI.
Dal punto di vista dei rapporti tra MPMI si possono riscontrare difficoltà nello sviluppo di certe relazioni che favoriscano un ambiente aperto all’innovazione e favorevole alla partnership. La costruzione di solide dinamiche interattive e collaborative tra le MPMI del territorio sia attraverso la rete corta locale che la rete lunga delle partnership nazionali ed internazionali è un obiettivo strategico; ci sono molti tipi diversi di partnership commerciali, che vanno dai rapporti di filiera nella fornitura ad alleanze pre-competitive o joint venture ma il territorio ITI non dimostra la dinamicità, in termini di costruzione di reti, necessaria a supportare la competitività del sistema locale nel suo complesso. Relazioni collaborative per tipologia di azienda, per dimensioni (MPMI con Grandi aziende) oppure rapporti di collaborazione tra MPMI di settori o specializzazioni differenti (filiere) richiedono uno stimolo forte e di impatto.Il progetto, infatti, è volto alla definizione e implementazione di una nuova strategia per l’innovazione ed il trasferimento tecnologico strettamente collegata con le eccellenze del territorio ITI Fabriano e del suo mercato di riferimento. Partendo da questo caposaldo il progetto interverrà sui seguenti livelli:

  • Riconoscere e valorizzare l’orientamento della Smart Specialization Strategy della Regione Marche che guarda alle industrie della
    meccatronica, della domotica e del settore salute e benessere come ambito strategico per lo sviluppo economico, il supporto alle
    start up innovative ed il networking tra imprese;
  • Assecondare gli spillovers del processo di rafforzamento delle Università locali e dei Centri di ricerca ed innovazione quali portatori
    di innovazione e conoscenza fondamentali per lo sviluppo competitivo delle MPMI del territorio ITI Fabriano;
  • Rafforzare i processi di specializzazione territoriale connessi con i nuovi modelli di produzione e collaborazione in filiera e collegati a servizi innovativi per il networking e la supply chan.